• mamytales

A casa con un neonato!

Updated: May 13

You can read this article in English here.

Il 5 agosto, quando ho lasciato casa per andare in ospedale, sapevo che quando sarei tornata saremmo stati in 3, non più in 2. Ma non avevo la minima idea di come sarebbe stato!


3 giorni dopo aver partorito sono stata dimessa. Una volta a casa, ci siamo chiesti: “E adesso? 🤔”.


Quando sei in ospedale e hai bisogno di aiuto col bambino, non devi fare altro che chiamare le infermiere e otterrai tutto ciò che ti serve. Una volta a casa, da sola col tuo bambino, è diverso.


Il primo giorno tutto è filato liscio. Il nostro piccolo piangeva quando aveva fame, poi mangiava e dormiva. Noi pensavamo “Com’è piccolo! Non riesce neanche a farsi sentire quando piange”… lasciatemi dire che nel giro di qualche giorno ha imparato a piangere sul serio 😂.


Durante la prima notte, comunque, è stata dura! Il mio bimbo non riusciva a dormire, l’unica cosa che voleva era stare nelle mie braccia, piangeva di continuo costringendomi a tenerlo attaccato al seno tutto il tempo. La mattina successiva ero stanca, ma sentivo comunque di avere abbastanza energia. Credo fosse per l’adrenalina 🤔. Quando mio marito si è svegliato, mi ha trovata in lacrime. Pensavo di non essere una brava mamma perché non riuscivo a far dormire il mio bambino.


Nei giorni successivi, man mano che ci abituavamo al bimbo, è andata un po’ meglio. Tuttavia, continuavo a tenerlo in braccio la maggior parte del tempo.


Ero fortunata però, perché mio marito è rimasto a casa in vacanza per 3 settimane. Mi ha aiutato col cambio del pannolino, era ufficialmente responsabile dei bagnetti, a cucinava pure. Una manna dal cielo!


È molto importante avere qualcuno che ti dia una mano. Non tanto col bambino, ma piuttosto con le pulizie, la cucina e facendo la spesa! Inoltre, abbiamo realizzato quanto fosse importante tenere un po’ di cibo già pronto nel frigo, per risparmiare tempo.


Ci siamo abituati in fretta al bambino 🥰. E così, il mese di agosto è volato via in un baleno e mio marito è dovuto tornare al lavoro.


Quel giorno in particolare è stato devastante per me, dato che mi vedevo sola col piccolo per la prima volta. Non ho avuto nemmeno il tempo di lavarmi il viso, a malapena sono riuscita a fare colazione, anche il semplice andare in bagno era “complicato”. La sera, quando mio marito è tornato a casa, mi ha trovata in lacrime, ancora. Ero stanca e ancora in pigiama dalla mattina.


OOOOH SI… All’inizio, essere in due è molto meglio che fare tutto da sola!


Un poco alla volta sono riuscita a creare una sorta di routine per noi. Quando il mio bambino aveva 6 settimane, ero ormai capace di trovare un po’ di tempo anche per me (solo per le cose essenziali, beninteso!), per mangiare e per mettere il naso fuori dalla porta 🏆.

A 8 settimane abbiamo acquistato la Tatamia di Peg Perego (https://it.pegperego.com/store/pegit/it/in-casa/tatamia) così da tenere il piccolo al sicuro e ritagliare un po’ di tempo per me. È stato di grande aiuto! Si tratta di un prodotto 3-in-1: sdraietta, altalena e seggiolone. Da allora l’ho usata ogni giorno, prima come sdraietta e più avanti come seggiolone. Non l’ho usata molto come altalena perché al mio bambino non piaceva molto.


Si sa, i bambini non arrivano con le “istruzioni” incluse 😂 e così capita spesso che noi genitori abbiamo bisogno di affidarci alle nostre sensazioni. Non è tutto latte e miele, ci sono giorni in cui tutto fila liscio e giorni difficili. Solo ricorda che devi dare tempo al tempo e tutto si sistemerà da sé.


Tieni presente che i bambini percepiscono i sentimenti della loro mamma. OK, magari non sono capaci di decifrare le emozioni complesse, ma sentono quando la mamma è stressata. Se hai bisogno di urlare o piangere fallo, ma non nella stessa stanza del tuo bambino. Mettilo in un posto sicuro, come la carrozzina o il lettino, ed esci dalla stanza. Torna solo quando ti sei calmata!



#newborn #athomewithanewborn #motherhood #parenting #strongfeelings #mamilishworldwide #trustyourgutfeelings #babiesdonotcomewithinstructions #gravidanza

 
 

©2020 by Mamytales

  • Facebook
  • Instagram